11 de abril de 2018 | Por Prospettiva Operaia

Come Fermiamo I Massacri in Medio Oriente E L'espansione Delle Guerre Imperialiste

Dichiarazione internazionale

Con il pretesto che i governi di Bashar al-Assad e Putin sono tornati all’uso di armi chimiche contro i civili, questa volta a Douma, un quartiere nei pressi di Damasco, Donald Trump, la premier inglese May e il francese Macron hanno annunciato rappresaglie di enorme portata distruttiva contro le posizioni militari, le basi aeree e le installazioni ufficiali di entrambi i governi in territorio siriano.

English Version

Versión en español

L’anno scorso, con giustificazioni simili, Trump lanciò dozzine di razzi contro quegli obiettivi in ​​una singola operazione, dopo aver avvertito la Russia, che ritirò la sua aviazione in anticipo. I grandi media statunitensi stanno esortando Trump a non “ripetere l’errore precedente”: invece, insistono per un’offensiva militare e politica di vasta portata, senza mostrare il minimo sospetto che questo potrebbe innescare una guerra internazionale che coinvolgerebbe tutte le grandi potenze e gli stati principali della regione.

Né le denunce dello scorso anno, né la recente accusa contro la Russia di aver attentato alla vita di un doppio agente con prodotti chimici in un villaggio in Gran Bretagna, sono state dimostrate in modo efficace. Lo stesso sta accadendo ora. Ci troveremmo di fronte a una provocazione che mira a fungere da pretesto per estendere la guerra in Siria. Lo stesso Putin, che usa i massacri come metodo di governo, non si spiega perché dovrebbe usare l’arsenale chimico in una guerra che sta vincendo, mentre il suo omologo americano, Trump, è coinvolto in una crisi interna, a causa dell’opposizione del Dipartimento di Stato e del Pentagono alla sua proposta di ritirarsi dalla Siria.

Esiste la possibilità che la denuncia dell’uso di armi chimiche a Douma sia parte di una falsificazione propagandistica, o che gli accusatori hanno utilizzato la milizia islamica che era fino a poco tempo nei dintorni di Douma, a Jaish al-Ilan , per eseguire il massacro batteriologico. Il giorno dopo l’incidente, Israele ha bombardato le basi del governo siriano e le milizie di Hizbollah e dell’Iran in Siria, che è stato interpretato come un avvertimento per Trump affinché non si ritiri militarmente in Siria. Gli analisti di questa guerra, assicurano che lo stato sionista ha già bombardato il territorio vicino più di cento volte dallo scoppio della guerra civile. Il governo sionista non ha riconosciuto il recente attacco, né un gran numero di quelli precedenti. Le loro azioni, tuttavia, sono state autorizzate dal loro “nemico”, la Russia, che controlla lo spazio aereo della Siria. “Netanyahu è attaccato al telefono rosso che comunica con Mosca”, ricorda un giornale americano. La guerra internazionale sul territorio siriano è innegabile: intervengono con i loro eserciti o milizie: Stati Uniti, Russia, Gran Bretagna, Francia, Turchia, Iran, Israele così come Arabia Saudita, Qatar ed Egitto, per mezzo di milizie.

Mentre questi crimini di guerra stanno avvenendo, la grande stampa di questi paesi continua a promuovere davanti al pubblico la “vocazione pacifista” dell’imperialismo e dei poteri reazionari in presenza. Il massacro di civili è stimato tra 350mila e mezzo milione di persone e profughi in diversi milioni.

Trump propone di ritirare le truppe di terra americane, per promuovere una guerra più ampia attraverso agenti locali – come ha fatto per esempio in Afghanistan e in Iraq. Con il ricordo della sconfitta in Vietnam, tra il 1968 e il 1974, non vuole vedere il ritorno delle bare negli Stati Uniti. È probabile che il magnate della misoginia autorizzi l’occupazione di tutta la Siria settentrionale da parte della Turchia, affinché l’esercito di questo paese faccia da agente dell’imperialismo contro la presenza russa. Putin fa lo stesso, poiché ha autorizzato l’aviazione della Turchia a bombardare la regione e ad occupare la città di Afrin, a maggioranza kurda. Gli scontri militari si combinano con quelli interni a ogni blocco, in una carneficina infernale contro i popoli. La guerra ha dato ad Israele un diritto di controllo e di interferenza “di fatto”, che sarà usato per espellere completamente i palestinesi dal loro territorio storico. Il sionismo ha intrapreso l’avventura di un “grande Israele”, come l’oppressore di primo ordine di un oceano di popoli arabi circostanti, e quindi in guerre e sofferenze senza pari.

Questa guerra coinvolge il mondo intero. Se vincono Trump, May, Macron o Merkel, si rafforzeranno la precarietà lavorativa e sociale del proletariato negli Stati Uniti e in Europa, cioè la miseria senza fine. Putin e gli ayatollah, caste capitaliste reazionarie e oppressive, sanno che non hanno possibilità di vittoria di fronte all’imperialismo mondiale; è per questo che cercano un “accordo” impossibile con l’imperialismo – come dimostrano i ripetuti tentativi in Siria e in altri paesi in guerra, e tutti i tentativi analoghi in Ucraina e nei contesi territori musulmani dell’ex Unione Sovietica.

Chiamiamo, per tutto questo, le classi lavoratrici dei paesi imperialisti e di tutti i popoli oppressi ad unire le forze e gli sforzi per un’azione internazionale contro l’imperialismo e per sconfiggere le guerre imperialiste e reazionarie attraverso la rivoluzione sociale.

Tags: bashar-al-assad, putin, donald-trump, siria

Compartir

Comentarios

@2018 - Prensa Obrera